Ho sempre detto che uno dei mali del nostro tempo è la mancanza di giustizia sociale, nel tempo tanti privilegi hanno stravolto questo concetto e tutti ne parliamo come qualcosa che molto lontana da noi e appartenente ai massimi sistemi e quindi irrisolvibile. Poi ti ritrovi nel tuo stesso ufficio a condividere il posto di lavoro con chi a parità di ruolo prende molto più di te e prende anche la 14° perché assorbito da un contratto metalmeccanico (è accaduto e accade, mi consta), oppure i medici che hanno un ruolo unico nella p.a. ma giunti agli Ingegneri, Architetti e Geologi hanno trattamenti economici certamente diversi e che dire degli Avvocati che oltre al ruolo unico ricevono parte qui è stato impossibile riconoscergli un ruolo unico, li abbiamo presi per i fondelli con l’inserimento nella legge Merloni dell’incentivo ex. art. 18 (oggi in gran parte abolito, almeno per quanto riguarda la cosa di maggiore qualità, la progettazione) e sento dire che negli stessi enti locali, ci sono Avvocati che vengono subito inquadrati come dirigenti e in più prendono parte della parcella spettante per l’onorario delle cause intentate dalla p.a. . Non sono addentro alla materia, ma se così fosse “mi inalbero”, non perchè non sia giusto che gli Avvocati, i Medici vengano inquadrati come dirigenti (io pretenderei parimenti per i tecnici) ma che ci sia pure una discriminazione nelle incompatibilità e nei compensi extra, cominciamo male a riformare questa P.A. sempre più simile ad una burocrazia sovietica prima della caduta del muro. A meno che ……

Non ci avevo pensato, quest’ultima è veramente bizzarra, ora mi spiego tante cose